Cattedrale della Vergine Maria dell’Immacolata Concezione all’Avana

La Cattedrale della Vergine Maria dell’Immacolata Concezione all’Avana è il centro religioso più importante della Villa de San Cristóbal all’Avana e delle Indie Occidentali dalla sua nomina nel 1789, è una costruzione in stile barocco con una presenza impressionante nel paesaggio e decisiva per i fedeli cattolici di questa parte del mondo.

La sua costruzione fu iniziata nel 1749 dall’Ordine dei Gesuiti, e quando furono espulsi dal Nuovo Mondo nel 1767, i lavori non erano ancora terminati per essere ripresi in seguito. Gli archivi, le immagini e altri valori della vecchia grande chiesa parrocchiale, situata nella Plaza de Armas e fino ad allora epicentro della religiosità cattolica dell’Avana, vi furono trasferiti nel 1777. Nei suoi dintorni, come eredità di un collegio gesuita originariamente progettato, c’era il seminario di San Carlos e San Ambrosio.

Simbolo di fede, storia e cultura, viene visitato ogni anno da centinaia di migliaia di turisti internazionali, come meta specifica o come parte di viaggi individuali e organizzati attraverso la parte più antica dell’Avana Vecchia, dichiarata Patrimonio Culturale dell’Umanità dall’UNESCO dal 1982.

Architettura della Cattedrale dell’Avana

In via Empedrado, tra San Ignacio e Tacón, si trova la sede dell’arcidiocesi di San Cristóbal dell’Avana e le attività dell’arcivescovado della città, con innegabili contributi architettonici e una magnifica collezione di arte sacra al suo interno.

Costruito in stile barocco toscano, per le sue due torri laterali con campanili (alcuni insistono a chiamarlo “Barocco coloniale cubano”), ha tre navate e otto cappelle laterali, divise da spessi pilastri. Il tempio forma un rettangolo di 34 metri di larghezza per 36 metri di lunghezza. Il pavimento è in marmo bianco e nero, che da un certo momento ha sostituito la pietra. Inoltre, gli altari primitivi sono stati rimossi. Successivamente, il soffitto originale è stato trasformato in un soffitto a volta in pietra per catturare più luce, ventilazione, sicurezza e bellezza. Si dice che da quel momento abbia raggiunto il suo massimo splendore.

Nonostante le numerose ristrutturazioni successive, l’esterno non è stato alterato e le modifiche si sono concentrate verso l’interno, assumendo un aspetto neoclassico. L’ultima si è tenuta alla vigilia della visita di Papa Giovanni Paolo II nel gennaio 1998 per “consentirgli di assumere le funzioni che corrispondevano alla nuova liturgia”.

Grazie a questo, la facciata è rimasta intatta, conservando i meravigliosi contrasti di luce e ombra che esercita sulla piazza che la circonda, sembra muoversi e spezzarsi in piani concavi e convessi. Gli esperti dicono che diversi elementi impliciti, come la concavità del muro di facciata scolpito nella pietra nuda, le colonne disposte ad angolo, il grado in cui portano l’iscrizione e l’intersezione degli elementi architettonici e l’audace curvatura delle loro linee.

Arte sacra e reliquie del passato

Entrare nella cattedrale significa aprire una galleria d’arte sacra. Intorno all’altare maggiore spiccano tre affreschi del pittore italiano José (Giuseppe) Perovani, tra cui spiccano La Asunción e il dipinto della Vergine dell’Immacolata Concezione, patrona della cattedrale. Perovani è anche l’autore della tela della cappella arancione (colore del soffitto) della Vergine di Loreto, benedetta dal vescovo Morell de Santa Cruz nel 1755.

Anche sull’altare si possono ammirare magnifiche sculture e oreficerie realizzate a Roma nella prima metà del XIX secolo. Sulle pareti, gli oli dipinti dal francese Jean-Baptiste Vermay, fondatore e primo direttore dell’Accademia di Pittura e Disegno di San Alejandro, lo stesso creatore delle opere interne del Tempio, risplendono nell’enclave originale della città.

Gli stalli del coro dei canonici, l’arredamento della sacrestia e la scultura originale scolpita di San Cristóbal sono a malapena conservati del XVIII secolo. Più all’interno ci sono diverse tombe di vescovi e di personaggi famosi della città e dell’isola.

San Cristoforo e Cristoforo Colombo

Su un lato della navata centrale della chiesa si può vedere l’immagine di San Cristóbal (in greco significa “Portatore di Cristo”), uno dei quattro santi patroni della città dell’Avana. Nelle religioni afro-cubane, San Cristóbal è stato sincretizzato con l’orisha Aggayú Solá, divinità protettrice dei deboli, per questo i loro credenti lo frequentano.

Un altro elemento molto interessante è che si dice che le spoglie di Cristoforo Colombo, il famoso navigatore e scopritore del Nuovo Mondo, riposarono sull’altare del Vangelo nella Cattedrale di Santo Domingo fino alla fine della dominazione spagnola a Cuba, quando si stabilirono a Siviglia. Tra le molte incognite, alcuni ipotizzano che i resti del figlio Diego siano arrivati all’Avana dall’isola vicina per errore o per volontà deliberata, o che le vere ceneri dell’ammiraglio non abbiano mai lasciato Valladolid.

Video

Piazza della Cattedrale

Alcuni esperti dicono che senza il suo posto, la cattedrale perderebbe gran parte della sua popolarità, della sua identità e della sua personalità. “La zona del primo destino dell’Avana”, come la chiamava Lezama Lima, in origine si chiamava Plaza de la Ciénaga.

Era un cumulo di spazzatura, una discarica e un mercato, fino a quando il nuovo tempio non ha preso la sua posizione definitiva nella religione e nella società, ed è stato ribattezzato Plaza de la Catedral, uno degli spazi più eleganti e raffinati, dove si svolgevano sontuose e aristocratiche passeggiate. Dalla successiva costruzione di rinomati edifici coloniali nei suoi dintorni, come il palazzo di Lombillo, il palazzo del Marchese di Arcos, la casa dei Conti di Casa Bayona, oggi Museo di Arte Coloniale e il palazzo del Marchese di Aguas Claras, la zona è diventata di importanza trascendentale.

Attualmente è uno dei siti più famosi, più visitati e più turistici della capitale cubana, dove si può camminare sulle pietre della storia, comprare un souvenir, bere una bibita fresca.

Una cattedrale aperta al mondo

La Cattedrale di San Cristóbal all’Avana è aperta al pubblico religioso e a tutti coloro che rispettano Cuba e il mondo, dove i fedeli vanno a pregare in pace e tranquillità, e gli altri a meditare, a schiarirsi le idee e ad essere impregnati dell’influenza benefica che imprime. Ci sono anche cerimonie ufficiali dell’arcidiocesi, messe, battesimi, matrimoni e altre attività, che hanno reso questo tempio un simbolo della città attraverso i secoli, con milioni di fotografie, disegni, dipinti, riferimenti storici, letterari e cinematografici.

https://arquidiocesisdelahabana.org

Empedrado 156, La Habana Vieja, La Habana, 10600 Cuba.

2020-09-22