necropolis colon havane

Il cimitero Cristoforo Colombo

Il cimitero, noto anche come Necropoli Cristobal Colón (Cimitero di Colombo), è una delle più grandi necropoli del mondo. Intitolato a Cristoforo Colombo, il cimitero di 140 acri (0,6 km²) è noto per i suoi numerosi memoriali elaborati e scolpiti. Si stima che il cimitero contenga più di 500 grandi mausolei, cappelle e tombe di famiglia. Oggi, il cimitero ha più di 800.000 tombe e un milione di persone vi sono sepolte. Il Cimitero di Colon è uno dei grandi cimiteri storici del mondo, ed è generalmente considerato, da un punto di vista storico e architettonico, il più importante cimitero dell’America Latina.

Storia

La sua costruzione iniziò intorno al 1860, e il concorso di progettazione fu vinto dall’architetto spagnolo Calixto Arellano de Loira y Cardoso, diplomato all’Accademia Reale delle Arti di San Fernando, Madrid. Fu anche la prima persona ad essere sepolta nel cimitero quando morì prima di completare il suo lavoro. L’atmosfera sorprendente di questo luogo è creata da una selva di templi greci in miniatura, colonne, urne, statue di angeli e madonne. I mausolei sono un misto di neogotico e classicismo, con cani fedeli scolpiti ai piedi di molte lapidi. Con uno spazio limitato nel cimitero, le sepolture sono costose e dopo tre anni i resti vengono rimossi, imballati e messi in un grande capannone.

Bisogna prestare attenzione al monumento a otto giovani studenti di medicina giustiziati nel 1871 per aver profanato la tomba di un giornalista spagnolo – Justice non ha la benda obbligatoria e il peso che tiene è chiaramente inclinato da un lato.

Video

Per tutta la sua eleganza e grandezza, il cimitero nasconde tanto quanto mostra. Tombe vuote e cappelle di famiglia sconsacrate punteggiano il cimitero, anche nei vicoli più importanti e lontani dalle strade principali. Molte di queste tombe appartengono a famiglie in esilio, il cui mantenimento dei luoghi di sepoltura dei loro parenti defunti è stato reso difficile dal soggiorno all’estero in cui sono fuggiti.

La porta d’ingresso al cimitero è chiamata “Porta della Pace”. Questo monumento è decorato con rilievi e sculture, alcune delle quali hanno un significato simbolico. Ci sono le torce rovesciate come segno della fine della vita, i rami di alloro e le clessidre alate come segno della natura irreversibile della vita terrena. L’opera che simboleggia le tre virtù di fede, speranza e amore porta l’iscrizione latina Janus Sum Pacis, da cui la porta prende il nome. Appena oltre l’entrata, un obelisco segna la tomba del generale Maximo Gomez, l’eroe della guerra d’indipendenza cubana.

Di fronte all’entrata principale, all’incrocio dei viali principali Avenida Cristobal Colón, Obispo Espada e Obispo Fray Jacinto, si trova la cappella centrale costruita sul modello del Duomo di Firenze. Su ogni lato, strade rettangolari conducono geometricamente ai quadranti del cimitero, dove i morti sono divisi in diverse zone secondo il loro rango e status sociale, come i preti, i soldati, le confraternite, i ricchi, i poveri, i bambini, i pagani e i carcerati. Le tombe meglio conservate e più belle si trovano su o vicino a queste strade principali, proprio come le ville in una vera città.

Il cimitero di Colon ha un monumento alto 23 metri ai pompieri che persero la vita nel grande incendio del 17 maggio 1890.

La leggenda di La Milagrosa

Un luogo di pellegrinaggio molto visitato dai cattolici è il cimitero di Amelia Goyri de Adot. Morì il 3 maggio 1901 all’età di 23 anni mentre dava alla luce suo figlio. Anche il suo bambino è morto. Furono sepolti insieme in una bara. Suo figlio è stato deposto ai suoi piedi.

Suo marito José Vicente Adot commissionò una scultura per commemorare la sua morte, con un’immagine di Amalia che tiene il suo bambino, appoggiato su una croce. Era disperato e inconsolabile. Non poteva credere che fosse morta. Andava al cimitero ogni giorno e batteva su uno degli anelli di bronzo sulla tomba per far sapere alla gente che era lì. Ha praticato questo rituale per 17 anni, fino alla sua morte.

Secondo la leggenda, quando la tomba fu riaperta dopo qualche tempo per essere svuotata, il bambino era in braccio a sua madre, e i loro corpi erano in condizioni eccezionali.

I cubani credono che Amelia possa esaudire i loro desideri e molti pellegrini visitano la sua tomba per vedere esaudito il loro desiderio o l’amore di un grande bambino. Battono anche sulla tomba con l’anello d’ottone come ha fatto suo marito, mettono dei fiori sulla sua tomba ed esprimono il loro desiderio. I visitatori si allontanano dalla tomba camminando all’indietro per evitare di dare le spalle alla statua bianca di Amelia.

Come arrivare al cimitero

Cementerio de Colón, Calle Zapata I Calle 12, Vedado, tutti i giorni dalle 9 alle 17.

https://goo.gl/maps/DqtxtaJekihWVeqd9

2021-11-13