Storia della Guadalupa

Popolazione

La Guadalupa ha più di 400.000 abitanti. La sua popolazione è ricca di un mix di etnie africane, europee, indiane e caraibiche.
Le prime civiltà della Guadalupa:

Gli Arawak

I primi abitanti delle Indie Occidentali furono gli Arawak o Tainos, un popolo indiano originario del Sud America. Sedentari, pacifici e altamente evoluti, gli Arawak vivevano principalmente di agricoltura, caccia e pesca. Come artisti consumati, hanno praticato la ceramica, la scultura e la tessitura. Decimate molto tempo fa dagli indiani dei Caraibi, alcune tracce della loro esistenza sono visibili ancora oggi, in particolare in Guadalupa a Trois Rivières, nel sito dei Rochers Gravées.

I Caraibi

Lo sbarco degli indiani dei Caraibi su “Karukera” – Ile aux Belles Eaux – ha messo fine alla vita tranquilla degli Arawak perché questi invasori violenti, feroci e cannibali hanno perpetrato lo sterminio di tutti gli Arawak. Hanno risparmiato solo le donne per prenderle come mogli. È stata una fine triste per un popolo così pacifico e raffinato. I Caraibi hanno continuato l’occupazione della Guadalupa nonostante i numerosi tentativi di insediamento da parte degli spagnoli. Di fronte alla feroce resistenza, tutte le rivendicazioni su questa terra furono abbandonate fino al 1635 quando i francesi fondarono la prima colonia europea.

Nel 1641, dopo diverse guerre e massacri perpetrati dai colonialisti francesi, fu concluso un trattato di pace tra gli indiani caraibici di Guadalupa e i francesi. Con questo trattato, gli indiani hanno accettato di lasciare definitivamente l’isola per unirsi alla Dominica. Il destino finale degli indiani dei Caraibi è diventato quello di molti popoli indigeni di tutto il mondo in seguito all’incontro con malattie importate dagli europei – malattie devastanti. Alcuni rappresentanti di questo popolo vivono ancora oggi, soprattutto sull’isola di Dominica, un’isola vicina alla Guadalupa.

Date chiave nella storia della Guadalupa

1635
Inizio della colonizzazione dell’isola con l’arrivo di Charles Liénard e Jean Duplessis.

1650
L’introduzione dei primi schiavi neri.

1674
Attaccamento dell’isola alla corona di Francia.

1685
Il Codice Nero definisce lo stato degli schiavi.

1759-1763
Occupazione della Guadalupa da parte degli inglesi. Sotto la loro amministrazione, il porto di Pointe à Pitre è stato sviluppato.

1763
L’occupazione britannica si è conclusa con il Trattato di Parigi. La Francia ha abbandonato le sue pretese sul Canada e in cambio ha ottenuto la Guadalupa.

1794
Primo decreto per l’abolizione della schiavitù. La convenzione abolisce “la schiavitù dei negri in tutte le colonie”.

  • Occupazione della Guadalupa da parte degli inglesi.
  • Liberazione dell’isola dal dominio coloniale inglese da parte di un battaglione di soldati guidati dal nazionalista nero Victor Hugues. Liberazione anche dei popoli schiavi.

1802
Napoleone Bonaparte inviò il generale Antoine Richepance a ristabilire la schiavitù in Guadalupa, annullando così la legge del 1794.

Rivolta in Basse Terre di Delgrès e Ignazio. Ignazio perse la vita il 25 maggio in una battaglia a Baimbridge. Delgrès morì con 300 dei suoi seguaci a Matouba.

1810-1816
Occupazione dell’isola da parte degli inglesi per la maggior parte di questo periodo.

1816
Il trattato di Venezia ha restituito la Guadalupa alla Francia.

1848
Abolizione permanente della schiavitù dopo una campagna del politico Victor Schoelcher.

1854 – 1885
L’arrivo degli “indù” in Guadalupa. Il bisogno di manodopera nei campi di canna da zucchero porta al reclutamento di lavoratori dall’India. Circa 45.000 indiani sono sbarcati sull’isola in questo periodo.

1936
Félix Eboué diventa il primo governatore nero della Guadalupa.

1946
La Guadalupa diventa un dipartimento francese.

Eruzione della Soufrière 1976

L’ultima eruzione della Soufrière è avvenuta nel 1976. Gli abitanti della regione e della città di Basse Terre sono stati rapidamente evacuati a Pointe à Pitre. Non sono stati segnalati decessi.

Gli uragani mortali

Diversi cicloni mortali appaiono negli annali della storia della Guadalupa a causa del loro devastante impatto sull’isola. Si citano in particolare due cicloni: il “grande ciclone” del 1928, che ha sorvolato la Guadalupa il 12 settembre 1928 con venti sostenuti a 230 km/h, e Hugo, che ha sorvolato la Guadalupa nel settembre 1989 con venti sostenuti a 220 km/h.

2020-09-22